Cerca
  • daniladestefano

Giudicare e giudicarsi


Questo breve racconto in foto fa riflettere su quanto è facile produrre giudizi. Ogni giorno, automaticamente o di proposito, diamo giudizi su qualcosa. Ma quante volte questi giudizi poi si rivelano corretti?

Giudicare il comportamento di un'altra persona ci espone sempre ad errori, anche molto grossi: SOLO NOI conosciamo la motivazione reale delle nostre scelte al 100%. Così, anche le altre persone hanno un bagaglio di vita che li spinge a comportarsi in un certo modo e non in un altro, che SOLO LORO conoscono!

Insomma, ne sappiamo davvero abbastanza per poter giudicare?

Altri giudizi profondamente fallaci sono quelli che riguardano ciò che consideriamo "oggettivo", come se fosse l'unica via giusta da seguire: le credenze, inconsce o meno, che ognuno di noi ha sulla vita, su come comportarsi e sul mondo.

Esempio:

Se penso che chi si alza per far sedere una persona anziana sul bus è una brava persona, lo penserò di quel signore che si è appena alzato, e NON lo penserò dell'altro signore che non lo ha fatto e per giunta è seduto nel posto riservato ad anziani e disabili. Magari però non so che accanto al signore "buono" era seduto il suo capo, e che quindi lo ha fatto solo per dare buona impressione, e inoltre non riesco a vedere il bastoncino bianco del signore "cattivo", che purtroppo invece è ipovedente e non solo è quindi seduto al posto giusto, ma non ha potuto nemmeno vedere la signora in questione.

Quanti giudizi errati tutti insieme!

Tutti questi giudizi che noi consideriamo oggettivi, oggettivi non lo sono quasi mai, ma noi li "usiamo" come tali nella vita di tutti i giorni.

Spesso, come nell'esempio, sono prodotti frettolosamente e quindi non prendono in considerazione tutti i dettagli necessari a una valutazione attenta.

Anche i giudizi che diamo di noi stessi sono spesso distorti, soprattutto in negativo: l'autostima può essere un ottimo amico, o il nostro peggior nemico. Può farci sentire una nullità, non amabili, mai abbastanza. Anche l'opposto può essere un problema: un'auto-idealizzazione narcisistica può portare problemi anche peggiori di una bassa autostima.

Potrei continuare a scrivere per tutto il giorno. Vi lascio con l'unica riga da ricordare:

ASPETTA a giudicare! E se ci tieni a farlo, prima di farlo chiedi spiegazioni così da poter conoscere meglio la persona che stai per giudicare!

PS: altrimenti farai la figura dello stupido 😉

Dott.ssa Danila De Stefano