Cerca
  • daniladestefano

Psicologo via Skype - ma funziona?



La consulenza online (skype, chat, gruppi facebook di discussione) è un argomento attuale molto dibattuto nel campo della psicologia. E' nata la necessità di avere uno psicologo raggiungibile dal proprio divano di casa grazie al semplice utilizzo di un computer portatile o addirittura di uno smartphone, a causa di vari impedimenti di ordine logistico o per altri motivi.

Ad esempio, senti la necessità di supporto psicologico ma: - Hai orari di lavoro sempre diversi e hai bisogno di flessibilità di orario, luogo? - Viaggi molto per lavoro o esigenze familiari e spesso non ti trovi nella tua città? - Vivi all'estero e trovare uno psicologo italiano non è così semplice? Insomma, con lo sviluppo della tecnologia, si è inevitabilmente pensato alla videochiamata come soluzione a questi e altri problemi. Ma funziona? La risposta è si. Sono state effettuate diverse ricerche per verificare il miglioramento a lungo termine dei pazienti grazie alla terapia via skype o altri mezzi online. Gerhard Andersson, ad esempio, ha pubblicato oltre 550 articoli, 41 chapter e 20 libri. Nel 2016 ha pubblicato “Internet Delivered Psychological Treatments”, una ricerca nella quale ha analizzato numerosi studi controllati. I risultati mostrano che le terapie condotte via internet si sono rivelate efficaci per moltissime condizioni psicologiche, psichiatriche e somatiche. La videochiamata è risultata funzionare, quindi, parimenti al colloquio frontale. Le terapie tramite webcam hanno garantito l’efficacia quanto i trattamenti faccia a faccia. Questi risultati possono risultare interessanti anche grazie ai costi inferiori delle terapie attraverso videochiamata, rispetto alla terapia face to face. Ovviamente, ci sono pratiche che non possono, almeno secondo il mio punto di vista, prescindere dalla coincidenza di spazio e tempo. Alcune terapie necessitano di una prossimità fisica. E’ importante, quindi, valutare caso per caso se risultano essere necessari incontri faccia a faccia piuttosto che via Skype.

Dott.ssa Danila De Stefano