Cerca
  • daniladestefano

Imparare a ballare sotto la pioggia


"La vita non è aspettare che passi la tempesta, ma imparare a ballare sotto la pioggia" - M. Gandhi Inizio questo mio primo post con una delle mie frasi preferite. Il significato è semplice, non scrivo con l'intento di spiegarlo, ma di far riflettere su un problema molto comune. Quante volte siamo stati, e saremo, sotto la pioggia? Quante volte, nel corso della vita, accadono eventi che ci fanno sentire tristi, disperati e che annientano la nostra serenità? Quante volte avremmo voluto, durante uno dei diversi "brutti momenti" della vita (un brutto litigio, la perdita di una persona cara, una relazione finita male, la mancanza di qualcuno, un fallimento lavorativo o scolastico), solo sotterrare la testa e aspettare che passi? Quante volte è, effettivamente, passato? Quante volte è invece rimasto lì, in sottofondo, a perseguitarci sotto svariate forme? Molte persone hanno la tendenza, in questi brutti momenti, ad abbattersi, appoggiarsi a qualcuno percepito come "più forte di noi", ad essere pervasi da emozioni negative tanto che non ci accorgiamo nemmeno delle cose belle che abbiamo intorno. Resilienza - ecco invece una delle mie parole preferite. La resilienza è, per definizione, la capacità di un materiale di assorbire un urto senza rompersi. In psicologia, invece, è utilizzata per descrivere la capacità di un individuo di affrontare e superare un evento traumatico o un periodo di difficoltà. Aggiungo: senza rompersi. Come parli facile, Danila! In teoria siamo tutti bravi! Nella pratica: no. E' così comune passare lunghi periodi tristi, pervasi da quella sensazione di "inevitabilità" di quelle emozioni.

Non posso farci niente, è cosi' e basta. Non ho la forza. Sono pigro. E' colpa di mio padre, è colpa di mio figlio. E' colpa del mio datore di lavoro che mi paga poco e male. E' colpa del governo e, giusto per essere alla moda, è colpa degli immigrati. Quanto è liberatoria la lamentela. Quanto è semplice esprimerla e trovare conforto. Quante altre, troppe energie elimina.. in realtà! Se vi sentite impantanati in un brutto momento della vostra vita, che abbiate o non abbiate un "motivo valido" per vivere tutte quelle emozioni negative, pensate a tutte le meravigliose persone che hanno problemi ben peggiori dei vostri, e sorridono ogni giorno. Distaccatevi un attimo da voi stessi e guardate fuori: Quanto tempo state perdendo? Quanto tempo vissuto come frustrante, negativo, deprimente, opprimente, potreste evitare, a favore di tempo ed esperienze indimenticabili, serene, felici? Vuoi davvero sentirti così ancora a lungo? Pensi ne valga la pena? Te lo dico io: no. Non ne vale assolutamente la pena. Serve solo a danneggiare ulteriormente te stesso e le persone che ami e sono accanto a te. Pensi sia inevitabile? SBAGLIATO! Altrimenti non si spiegherebbe come mai alcune persone, in situazioni peggiori della nostra, sono e si sentono più felici di noi. La psicologia è vista ancora oggi come una disciplina "per matti" o inutile. La verità è che, se non riesci a superare un brutto momento, frustrazione, rabbia, problemi personali da solo, può davvero aiutarti. Se senti di trovarti in uno di questi "brutti momenti", "brutti periodi" e se senti di essere stanco di vivere tutto questo, datti una chance di riprendere in mano la tua vita. Contattami o entra in contatto con qualcun altro dei miei colleghi. La vita può essere un qualcosa di meraviglioso, o terribile. Colorata, grigia, nera o monocolore. Forse non lo sai, oppure non ci credi, ma sei tu a decidere.

A presto!

Dott.ssa Danila De Stefano



Come funziona          Servizi online          Blog          Privacy          Contatti

P. IVA 09005531216

logo.png
  • Instagram
  • Facebook

©2019 by Psicologo via Skype - dott.ssa Danila De Stefano